Crea sito

The show mustn’t go on!

La televisione: un innocuo elettrodomestico... non proprio così innocuo. Una riflessione su ciò che costantemente ci propinano.

di Lucia Romano (http://www.facebook.com/lu989)*

Erano gli anni ’50. Gli anni del boom economico, gli anni della rinascita, gli anni delle nuove prospettive a fare da palcoscenico alla diffusione della televisione, piccola-grande scatola sconosciuta e definita dall’ing. Guala “focolare del nostro tempo”; ecco che la televisione entra, nelle case e nei salotti-quartiere degli italiani. Siamo a ridosso della seconda grande guerra, momento in cui lo stato d’animo della nostra ossimorica nazione è ancora provato, confuso e sbigottito dai risvolti politici degli ultimi decenni, ma ,allo steso tempo, speranzoso, innovatore e soprattutto sognatore.

Eh sì, è proprio il sogno quello che la televisione comincia a innescare con i suoi programmi; la mamma comincia a sognare i primi elettrodomestici, un po’ come fossero la bacchetta magica della fata di casa; il padre pensa sul divano di casa di superare la barriera e fare goal guardando la domenica sportiva; poi i ragazzi, raccolti tra loro, sorridono davanti al Carosello. La televisione che, un po’ come la valigia di cartone, si traduce in simbolo di fantasia, compagnia, scoperta, desiderio e soprattutto evasione. Il nuovo simbolo della domenica in famiglia, assieme all’arrosto della nonna e al riposo da scuola e lavoro, l’ospite più attesa ed accolta nel convivium domenicale. Ma un po’ come tutte le storie d’amore, con gli anni, anche lei comincia a scadere nell’abitudine e nell’esagerazione, divenendo vittima inarrestabile della logica economica, strumento di un profitto cieco e irrazionale.

È il 2012: recessione, crisi, tagli, sprechi, omicidio, colpevole, (..capra!28esima). Queste le parole più gettonate e ripetute nei programmi televisivi. Parole connaturali in un contesto di tipo giornalistico, ammissibili e tollerabili in un programma di approfondimento, un po’ troppo fuori luogo nel “varietà” della domenica. Ogni giorno, a qualsiasi ora (senza alcun discrimine per le fasce orarie in cui fruitori sono anche bambini) ci vengono propinati sempre gli stessi argomenti, oggetto di dibattiti esclusivamente critici e mai propositivi, i cui interventi sono frutto di “opinionisti” il più delle volte schierati con le logiche e la politica aziendale delle reti che li ospitano. Sempre gli stessi volti (qualcuno 7 giorni su 7!), sempre gli stessi argomenti, sempre gli stessi “giudici”. Un vicolo cieco insomma. Un caffè già uscito male, per di più corretto con una improponibile dose di falso perbenismo, ipocrita pietismo, scadente populismo; questa la ricetta oggi in voga che, in assenza di altre alternative, raggiunge buoni risultati in termini di audience.

La televisione, non più mistico strumento portatore di novità e immaginazione, ma film dallo scenario preannunciato, spiattellato, trito. Insomma, un modo eufemistico per definire un celato lavaggio mediatico del cervello: non siamo altro che vittime, più o meno ignare, di logiche commerciali, terapie della paura, giochi di prestigio a servitù della disinformazione. Un circuito corrotto, in cui i canali della c.d. controinformazione non trovano più spazio venendo relegati al mondo del web forse, ad oggi, unica ancora di salvezza per la trasmissione democratica delle idee e del pensiero: il vero pensiero, quello che nasce dal basso, da chi ancora crede nella forza della parola e diffida della prigione mentale mediatica.

Io, in tempo di tagli agli sprechi, comincio a risparmiare energia elettrica spegnendo la tv!

* Lucia Romano (1989), maturità socio-psicopedagogica, studentessa di giurisprudenza magistrale all’ultimo anno di corso.

Tags: , , , , , , , ,

Lucia "Lù" Romano, classe '89, maturità socio-psicopedagogica, studentessa di giurisprudenza magistrale. Collaboratrice del blog LiberaOpinio. Farsi un'idea.. http://www.facebook.com/lu989

4 Responses to “The show mustn’t go on!” Subscribe

  1. D$I WESKER 17 novembre 2012 at 22:49 #

    A dirti la verità io utilizzo la Tv solo per guardare Telefilm, cartoni e ogni tanto qualche video su MtV, e vuoi sapere perchè? Perche mi sono rotto le scatole di questa continua falsità che POPOLA la TeleVisione…
    Ne abbiamo avuto sempre la conferma, false storie commoventi da Barbara su canale 5, un popolo di galline su Uomini e Donne, ma sopratutto false notizie nei notiziari e tanta Disinformazione per distogliere l’attenzione dai reali problemi ponendola su temi superficiali e assurdi…

    Mentre L’ ONOREVOLE CICCIOLINA prende un vitalizio di 6.000 € al mese x 6 mesi al governo che ha fatto, l’opinione pubblica si concentra sulla violenza (secondo me giusta e legittima) dei poliziotti contro i “Pacifici” manifestanti (armati di caschi, spranghe di ferro e bombe carta)…

    http://www.youtube.com/watch?feature=endscreen&v=JnZnA7Ajo9s&NR=1&ytsession=IBsZZjsIZbEgUzQbkktxZ2ya_86xxrJKZdLDRfYhFaJO1Q2kbWKiCrhMuwUd5PDYYbHi5gmZVjJpleMqhAcoBCr1dc-mwdsJ1nP7sUGK4T43wx80CixXgTDfZIy2Wr6r-nCgFKHXN3LHf6KyOzU-aDPHO0Ii2LjtglHNqPHAhpFfZ2iI831gh4dmT6eeyCq_7I7DJ50anERx3mh9cCIvzCR-mSn_xNmwkbIBHtddJ4AaRbdtfH1AnGDgqyBFAjd3xf4w1PKo_hrbtOtojx804W2dbffxHouJj3RgBGQfdrKvLUiWFK_Fn5raWz0wXBsDaHdW1IZrwt2aXHXFOYg00yfqNzYdVV_Xf4I36hbuazKcaNOSx5iim7RXYhXo2GMSUgb8phwuiAnxBmZs_D9POCVggYF2lg0m8SXJDazLppYDYvrBCuG-lwKcZKIY1ev4ESXbNcnHZUR0pBspHMgRIwbCHsDgGVVhOsY9gfcLpRA7YP4SYlEqdShr7c0N7tyDSX6Xgo-MRab9c5p17MNPi-qXMykhVrKcal9_pedoyWIJllr5nDhMW1FW9t_mTjwrDk-X7LQe8UL9doqSjsQ0uyeJP5p8PTYauPSnUIPfWomx1ta6lYqZI8FO7K2z5zxz1hy5exFI1vqkoF4I2lxWo2t_2meDrpVoyHyoVqhkETz9pWULi0IMewezUhy-RvWxgL6h4hmluIs

Tifosi olandesi devastano Roma, all’Olanda il premio fair play UEFA!

Quasi un paradosso, ma i fatti del febbraio di quest’anno che hanno visto Roma alle prese con un folto gruppo di Lanzichenecchi tifosi del Feyenoord 36 ore prima della partita di Europa League Roma – Feyenoord è valso il premio fair play UEFA (“correttezza”) all’Olanda calcistica assegnato dall’Uefa.

Isis: di chi è la colpa?

Isis, Stato Islamico dell’Iraq e della Grande Siria: la responsabilità dell’Occidente nella genesi del mostro. Chi è senza peccato, scagli la prima bomba..

DAL WEB: Sergio Mattarella, chi è il nuovo Presidente della Repubblica – Il Fatto Quotidiano

DAL WEB: Sergio Mattarella, chi è il nuovo Presidente della Repubblica – Il Fatto Quotidiano

Italia figli e figliastri #1

Come si suol dire: figli e figliastri. Ma può uno Stato fare figli e figliastri? Sì. Italia figli e figliastri #1

Caso Greta e Vanessa: il “riscatto” si paga oppure no? Tra polemiche e regole

In casi analoghi a quello di Greta e Vanessa, cosa dice l’ordinamento e la prassi internazionale sul “prezzo” della libertà? Il riscatto si paga o non si paga? Molto si è detto, ma poco è stato spiegato. Cose che sembreranno banali, ma è opportuno puntualizzare: perché, per principio, un riscatto a seguito di sequestro di persona non va pagato?

Greta e Vanessa, le parole inappropriate (nel dubbio) di Gentiloni

Greta e Vanessa sono state liberate. Tuttavia, al netto della sterile diatriba sull’avvenuto o meno pagamento del riscatto, il Governo […]